image

Un mare di verde.

Giganti nel cielo.

Carne viva tutt’attorno.

Ed io, sopravvissuto a cosa?
Seduto qui a terra, ancora.

Come gocce di sole in una città di spettri.

A raccontarmela.

Mentre una rivoluzione sta li, sulle altalene con gli occhi del mondo.
Mentre sembra che tutto sia perso e vacillo malgrado parole, malgrado intenzioni, malgrado attenzioni.

Resta un’abile resa?

É un tempo, questo, che non sa di niente.
È un tempo in cui cercare quel tempo che ci apparteneva.

Vago per giorni.
Attraverso silenzi duri come pietre.

Oggi sto bene.

Oggi mi sento come il soffitto di una chiesa bombardata.

3 pensieri riguardo “Una domenica di giugno.

  1. Anche dopo uno scoppio violento, a pezzi, disperati e senza meta, anche in quel momento saremo in grado di riprendere ogni filo e ricucire le toppe, poi nascerà una nuova pelle e rigenerati ci sveglieremo e sarà domani.
    Inevitabile e null’altro possiamo fare.
    Ricostruire anche ciò che noi stessi abbiamo distrutto, devastato, calpestato.
    Il vuoto si colmerà anche di domande, ma si colmerà di desideri e ci alzeremo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...